J. Jarábek: Il mercato dei materiali necessari per la produzione di componenti rimane dinamico

Precisione, professionalità, prudenza. Attributi che definiscono non solo il processo di acquisto dei componenti elettronici per la loro ulteriore distribuzione ai clienti, ma anche le risposte risultanti dall’intervista con il responsabile dell’ufficio acquisti di SOS electronic, Jozef Jarábek. Nonostante il suo grande impegno lavorativo e la capacità di reagire rapidamente ai mutamenti e alle richieste del mercato, ha trovato volentieri il tempo non solo per questa intervista, ma come sostiene, anche per la sua famiglia, lo sport o il lavoro in giardino. L’intervista è stata condotta da Petra Juhasová.
obr2789_pc5715a6223ae.jpg


Nel numero precedente della rivista SOS news, abbiamo posto all’amministratore delegato dell’azienda, Ján Seszták, una domanda che, per usare le sue stesse parole, lo ha sorpreso. Pertanto, se me lo permette, le farò la stessa domanda. Come sta?

Potrebbe trasformarsi in qualcosa di simile a una staffetta... La domanda ha sorpreso anche me, ma grazie, sto bene. In un periodo frenetico come questo, in cui la situazione del mercato cambia di ora in ora, anch’io sono un po’ di fretta e sempre vigile. Siamo tutti in salute, stiamo raggiungendo gli obiettivi e la dirigenza è soddisfatta, quindi direi che siamo tutti contenti.

Lei fa parte dell’ufficio acquisti di SOS electronic da più di 10 anni, due dei quali in qualità di responsabile. Come è cambiato il mondo dei componenti elettronici secondo la sua esperienza in tutto questo tempo? 

Parecchio. I settori dell’elettronica e dell’ingegneria elettrotecnica rappresentano un mercato ampio e interessante. Le leggi adottate in materia hanno favorito la ricerca di un’efficienza energetica e un rendimento del combustibile maggiori. La crescita dell’elettronica è stata stimolata soprattutto nei settori automobilistico, edilizio e dell’illuminazione. La produzione industriale è diventata “intelligente” e sempre più automatizzata. L’invecchiamento della popolazione (non solo europea) e le pressioni per una maggiore efficienza dei costi sanitari hanno aumentato la domanda di innovazioni elettroniche in questo settore. Non dimentichiamo l’IoT, che interessa applicazioni e apparecchiature tecnologiche di ogni tipo, dall’industria automobilistica all’elettronica di consumo. Esistono diversi componenti elettronici che rendono possibile la tecnologia IoT, in particolare i bus di campo, i cablaggi, i moduli di comunicazione per il trasferimento di dati e informazioni nonché i motori elettrici e, naturalmente, il software. Queste sono le aree di prodotto in cui sono avvenuti i maggiori cambiamenti, finalizzati in definitiva ad aumentare il comfort, la funzionalità e l’efficienza dell’utente.

Gli ultimi due anni sono stati molto turbolenti. In che modo i due grandi eventi degli ultimi tempi hanno influito sulla consegna dei componenti?

La pandemia di Covid-19 ha indubbiamente inciso su molti settori, tra cui l’elettronica, la sanità e il turismo. Ha colpito duramente l’industria elettronica poiché la catena di approvvigionamento è stata gravemente interrotta. Nonostante il graduale allentamento delle restrizioni nei singoli paesi, stiamo ancora avvertendo gli effetti della crisi sanitaria sull’industria elettronica. Attualmente si registra una forte carenza di semiconduttori e di componenti elettronici, presenti in ogni sistema elettronico moderno. La transizione verso l’home office, l’esigenza di connettività e l’aumento significativo della domanda di dispositivi elettronici hanno portato a un’enorme richiesta di componenti elettronici, il che ha avuto un forte impatto sui tempi di consegna e sul prezzo dei componenti stessi. Attualmente sono tre le aziende che dominano la produzione di semiconduttori: Intel negli Stati Uniti, Samsung in Corea del Sud e TSMC Group con sede a Taiwan. Persino il più piccolo problema che queste aziende devono affrontare si ripercuote direttamente su tutti coloro che operano nel nostro settore. Durante questa crisi, i produttori stanno cercando di trovare alternative e soluzioni per aumentare la resilienza delle loro catene di approvvigionamento. La catena di approvvigionamento dell’industria dei semiconduttori, gravemente colpita durante il periodo covid, potrebbe subire ulteriori disagi a causa del conflitto russo-ucraino che potrebbe condizionare la fornitura dei gas neon ed esafluoro butadiene, necessari per la produzione di chip per semiconduttori, dato che i principali produttori di questi gas sono proprio l’Ucraina e la Russia. La carenza di semiconduttori ha colpito le industrie di tutto il mondo, in particolare l’industria automobilistica ed elettronica. 

Oltre a questi eventi, esiste anche un problema con le materie prime necessarie per produrre i componenti. Qual è l’impatto sulla loro fornitura?

La situazione del mercato delle materie prime necessarie per la produzione dei componenti rimane dinamica. La pandemia ha determinato l’interruzione delle operazioni in centinaia di miniere in tutto il mondo, causando una carenza di oro e argento. I prezzi di metalli come il rame, l’oro, il palladio, ma anche la plastica sono altamente reattivi alla carenza di manodopera causata dalla Covid e hanno una tendenza al rialzo, il che finisce per aumentare i prezzi dei componenti e prolungare i tempi di consegna. Che si tratti di una domanda netta di determinati tipi di tecnologie, di una carenza di materie prime o di sfide logistiche, purtroppo nessuno è ancora in grado di prevedere quando i tempi di consegna e i prezzi torneranno ai livelli pre-pandemici. Questa domanda senza precedenti continua a stimolare il fabbisogno di materie prime e la graduale espansione della capacità produttiva, il che porta a un aumento dei prezzi dei prodotti per tenere il passo con l’aumento dei prezzi delle materie prime e dei costi logistici. È importante ricordare che eventuali ondate future di Covid, disastri naturali, eventi geopolitici o qualsiasi altra crisi possono in qualsiasi momento influenzare e ridurre la capacità del mercato delle materie prime, il che può portare all’aumento dei prezzi delle materie prime e, in ultima analisi, del componente stesso. In generale, la situazione sui mercati delle materie prime non sta migliorando e si nota ancora una tendenza negativa in termini di tempi di consegna più lunghi, prezzi in aumento e carenza di materiali sul mercato. Tempi di consegna prolungati per le materie prime, una diffusa carenza di materie prime critiche, l’aumento dei prezzi delle materie prime e le difficoltà nel trasporto dei prodotti continuano a interessare tutti i segmenti dell’economia.

obr2789_p27ed9b737530.jpg
Secondo i mezzi di comunicazione c’è una carenza di chip. Di cosa si tratta? Come risponde SOS electronic a questo problema?
Il motivo risiede nell’enorme aumento della domanda di prodotti elettronici, così elevata e imprevedibile che le catene di approvvigionamento non riescono a tenere il passo e devono aspettare che la domanda scenda a un livello più gestibile o che si risolva il problema della maggiore capacità nella catena di approvvigionamento. La prima carenza di componenti elettronici risale già al 2019. Per alleviare i problemi di produzione causati dall’embargo economico degli Stati Uniti alla Cina, le aziende cinesi hanno immagazzinato enormi quantità di componenti. Pochi mesi dopo, con lo scoppio della pandemia di COVID-19, il mondo dell’elettronica si è trovato nella spiacevole condizione di dipendere dalla Cina per i prodotti primari e gli impianti di produzione, soprattutto a causa della chiusura dei porti. I disastri naturali nel sud-est asiatico e negli Stati Uniti hanno costretto a interrompere la produzione delle principali fabbriche di semiconduttori, peggiorando ulteriormente la situazione. Il freddo in Texas ha paralizzato gli alimentatori e gli impianti di Infineon, Intel, NXP, Samsung e Texas Instruments. Un terremoto e un incendio in produzione hanno distrutto lo stabilimento di Renesas, azienda di riferimento a livello mondiale nel settore dei microcontrollori. Taiwan ha vissuto la peggiore siccità degli ultimi 56 anni e in Cina il governo ha iniziato a regolamentare l’elettricità. A questo si aggiunge il problema che l’enorme aumento degli ordini registrato nel 2021 dipende solo in parte da una maggiore domanda. Una parte molto più consistente è dovuta, infatti, ai lunghi tempi di consegna, alle carenze e alle cosiddette «prenotazioni da panico» (chi può si rifornisce per proteggersi dalla carenza di materiale). I clienti ordinano più del necessario e, se possibile, da diversi fornitori nella speranza che almeno alcuni di essi riescano a soddisfare le loro esigenze. La situazione nella catena di approvvigionamento è la medesima: quindi improvvisamente la domanda aumenta a dismisura senza essere coperta da un corrispondente aumento della domanda dei consumatori. Gli economisti definiscono questo fenomeno «effetto frusta». Da parte nostraovviamente, monitoriamo la situazione e comunichiamo con i nostri partner molto più spesso. Cerchiamo di ordinare componenti problematici per i quali possiamo aspettarci tempi di consegna più lunghi o l’allocazione stessa in una quantità maggiore. Inoltre, monitoriamo la situazione generale del mercato, in base alla quale adottiamo le misure necessarie per garantire una consegna regolare delle merci ai nostri clienti. 
Un mondo in rapido cambiamento richiede anche una grande flessibilità. In che modo l’ufficio acquisti di SOS electronic si occupa di questo in termini di collaborazione con i fornitori? Come si decide di garantire che l’offerta sia sufficientemente attuale, ma allo stesso tempo di alta qualità?
I fattori che influenzano la scelta dei fornitori sono molteplici e la nostra azienda collabora da tempo con molti di essi. I fornitori svolgono un ruolo fondamentale nel raggiungimento degli obiettivi e del successo dell’azienda. Affinché le aziende possano trovare e lavorare con i fornitori giusti, devono considerare diversi fattori critici, tra cui il prezzo, il rapporto qualità-prezzo, la qualità, l’affidabilità, la reattività e l’adattabilità. Noi procediamo alla selezione dei componenti della nostra offerta nello stesso modo: comunichiamo con i nostri fornitori e clienti, monitoriamo le tendenze del mercato e anche gli indicatori che mostrano la direzione in cui si esso si sta muovendo. Alla selezione dei prodotti giusti per la nostra offerta partecipano anche altre figure, come i product manager e, naturalmente, i venditori che sono in contatto con i nostri clienti.
Come si prendono le decisioni in un contesto ricco di informazioni? Bisogna tenere conto non solo degli eventi esterni, ma anche del riscontro da parte dei clienti attraverso il reparto vendite. È possibile?

Il riscontro dei clienti è essenziale per le nostre decisioni future, per le possibili innovazioni e, ad esempio, anche per la composizione del nostro magazzino. È inoltre necessario misurare la soddisfazione dei clienti attuali, sia per quanto riguarda la qualità della merce acquistata, sia per i prezzi, ma anche per la disponibilità stessa della merce. Sapere come i clienti percepiscono il nostro lavoro, l’assistenza e la nostra stessa azienda è inestimabile. Comunichiamo regolarmente con i nostri venditori, che sono in contatto diretto con i clienti, e riceviamo riscontri da loro. Durante la pandemia, abbiamo tenuto le nostre riunioni con i clienti online. Il riscontro e la comunicazione generale sono importanti per la cooperazione a lungo termine: ci aiutano a prepararci per i progetti futuri dei nostri clienti e migliorano il nostro lavoro e il nostro servizio.

Siamo onesti: è possibile pianificare qualcosa in anticipo in questi tempi difficili e incerti? 

Ovviamente non è facile. Nessuno di noi, né nessuno dei nostri partner o concorrenti, possiede una sfera di cristallo :) Tuttavia, è molto importante per l’ufficio acquisti ridurre al minimo i costi di acquisto, mantenendo al contempo standard di qualità e quantità. Un piano di approvvigionamento è un processo in cui un’azienda decide cosa deve acquistare, dove acquistarlo e quando nonché in quale quantità le merci devono essere consegnate. All’interno della nostra azienda molti reparti sono coinvolti nel processo di approvvigionamento per ottenere efficienza nei processi decisionali. Un processo di approvvigionamento ben pianificato dovrebbe soddisfare le esigenze dell’azienda attraverso un flusso regolare della catena di approvvigionamento. Per implementare un sistema di approvvigionamento di successo, l’azienda deve rispettare i requisiti di pianificazione degli appalti, inclusa l’identificazione dei bisogni dei singoli beni, la ricerca e la selezione adeguate dei fornitori, il confronto delle singole offerte, l’identificazione e l’eliminazione del rischio, il contatto con il fornitore e la valutazione periodica dei fornitori.

obr2789_p9acff64ec327.jpg
Come è possibile distinguere tra fornitori di alta qualità e fornitori di bassa qualità a questo ritmo?

La scelta giusta del fornitore è fondamentale: solo sulla base di questa è possibile costruire una relazione duratura e reciprocamente vantaggiosa. Una cattiva selezione dei fornitori può avere un impatto economico sulla società. Non è difficile trovare un fornitore che offra prodotti a prezzi ragionevoli. Tuttavia, in seguito potremmo renderci conto che la qualità di tali prodotti non soddisfa le nostre aspettative, oppure che non ci informa sullo stato di avanzamento dei nostri ordini, ecc. La scelta del fornitore sbagliato può causare un aumento dei costi, ritardi nelle consegne o addirittura un danno alla reputazione dell’azienda. Quando selezioniamo nuovi fornitori, cerchiamo di verificare a fondo i nostri elevati requisiti e monitoriamo vari fattori e criteri per quelli esistenti, che utilizziamo quindi per una valutazione regolare. Sulla base di questa valutazione, vengono assegnati loro stati diversi e viene decisa un’ulteriore cooperazione.

La pandemia ha accelerato la digitalizzazione e le riunioni si sono spostate online. Come ha affrontato il suo reparto il fatto che il contatto personale con i fornitori non fosse più possibile?

Una comunicazione efficace, che si tratti di comunicazione interna o di comunicazione con i nostri partner, è sempre stata la chiave di tutte le relazioni sane. Durante le chiusure, le quarantene obbligatorie e il trasferimento dell’ufficio a casa, le persone hanno rapidamente acquisito padronanza degli strumenti di comunicazione online. Le attività lavorative o le riunioni che si riteneva potessero essere svolte solo di persona in ufficio sono state spostate online. Poiché non era possibile organizzare riunioni in presenza, la nostra azienda ha preparato gli strumenti grazie ai quali siamo stati in grado di connetterci con i fornitori e di lavorare insieme a grandi distanze. Questo non era possibile fino a pochi anni fa. Negli ultimi anni la nostra azienda ha compiuto molti passi importanti nel campo della digitalizzazione; di conseguenza, il passaggio agli uffici domestici è stato molto rapido e agevole. I nostri partner hanno reagito allo stesso modo, di conseguenza la comunicazione e le riunioni online sono avvenute e si verificano tuttora senza problemi. Naturalmente preferiamo le riunioni in presenza e siamo sempre molto felici di accogliere i nostri partner, siano essi fornitori o clienti, presso la nostra sede.

Allocazione in breve :)

L’aumento della domanda nei settori dell’elettronica di consumo, degli smartphone, del 5G globale, dell’Internet delle cose nonché i grandi cambiamenti nell’industria automobilistica (aumento della produzione di veicoli elettrici e autonomi), unitamente al congelamento dell’economia nel 2020, stanno determinando un notevole incremento della domanda di componenti elettronici. Si tratta di una situazione in cui la domanda di prodotti supera la capacità produttiva disponibile. L’allocazione comporta un allungamento dei tempi di consegna, che si riflette in problemi di disponibilità dei componenti, aumento dei prezzi, aumento delle spese di spedizione e necessità di cercare i componenti sul mercato libero.

 

ARCHIVIO:

Ci presenti la sua squadra. Cosa avete passato in tutti questi anni? 
La nostra squadra è composta da nove membri, suddivisi in due gruppi. Il primo gruppo, composto da tre membri, si occupa della logistica, delle pratiche doganali, della comunicazione con le imprese di trasporto e della fornitura di documenti di carattere amministrativo per il relativo reparto. Il secondo gruppo è composto da addetti agli acquisti e, se ho contato bene, sono sei. :) Sono responsabili dell’acquisto delle merci e della comunicazione con i fornitori. Ogni membro della squadra lavora in SOS electronic da diversi anni. Il “membro più giovane” è con noi da 4 anni e il più longevo da 27 anni. Sono professionisti su cui posso sempre contare. Il più grande vantaggio della nostra squadra è la comunicazione aperta, le critiche costruttive e la condivisione delle conoscenze reciproche.


Ti interessano maggiori informazioni? Vuoi porre un’altra domanda o richiesta? Compila il seguente modulo, saremo felici di aiutarti.

* I dati contrassegnati da un asterisco (*) sono obbligatori.

Non perderti questi articoli

Ti piacciono i nostri articoli? Non perderne nemmeno uno! Non devi preoccuparti di nulla, organizzeremo la consegna per te.

Articoli correlati

Accetti la memorizzazione dei cookie?
Benvenuto nel sito web di SOS electronic. Prima di entrare nel nostro mondo online, vorremmo chiederti di consentirci di memorizzare i cookie sul tuo browser. Il tuo consenso ci aiuterà a visualizzare il sito senza errori, a misurare le sue prestazioni e a tenere traccia di ulteriori statistiche. Inoltre, ci permetterà di offrirti un’offerta dei nostri prodotti e servizi completamente personalizzata. Forniamo cookie anche a terze parti. Tuttavia, sei decisamente al sicuro con noi.
Il corretto funzionamento del sito web
Controllo tecnico più stabile
Migliore offerta di marketing

Maggiori informazioni sui cookie
Maggiori informazioni sul trattamento dei dati personali